News generali

28 ottobre 2021

Global milk production expected to tighten over winter

Challenging weather and high feed costs are expected to impact milk production through 2021, despite good prices. This has reduced global supply[1] growth forecasts for 2021 from 1.4% to 1.0%, equivalent to 1.1bn litres less milk. Both the US and the EU-27...
Leggi »


28 ottobre 2021

November milk price increase for Arla farmer suppliers

Arla's milk price for November 2021 will see an increase as European dairy commodities have 'continued to increase significantly'. The price increase of 0.90p per litre from 1 November takes the co-operative's conventional milk price to 33.52p per...
Leggi »


28 ottobre 2021

UK dairy exports to Australasian markets to be explored

Dairy farmers will be given the chance to explore the opportunities of exporting to Australia and New Zealand amid worry over the impact of the trade agreements on the sector.
Leggi »


06.03.2019

Cina: importazioni record di latte per neonati

Da dati recenti emerge che nel 2018 le importazioni cinesi di latte per neonati sono aumentate significativamente e, sebbene non sia ancora disponibile il dato di dicembre, giungeranno ad un nuovo massimo storico. A distanza di anni l'import è ancora favorito dalla sfiducia dei consumatori cinesi verso i produttori locali di alimenti per infanti, un problema iniziato nel 2008, quando alcune aziende hanno adulterato il latte aggiungendo melammina con il conseguente avvelenamento di 300.000 bambini.

Scendendo nel dettaglio dei numeri, nel periodo gennaio-novembre 2018 i volumi importati sono pari a 301.198 tonnellate, con una variazione tendenziale del 12%, mentre in termini di valore sono stati raggiunti i 4 miliardi di dollari americani. Inoltre, secondo le nostre stime, nel 2018, la quantità complessiva di latte per neonati importato dalla Cina supererà le 333.000 tonnellate.

Questo trend non sembra quindi attenuarsi, nemmeno nel medio termine, anche perché la crescita della popolazione cinese è rallentata, ma non si è fermata. Infatti, Euromonitor International ha di recente fornito alcune stime sulla crescita di questo mercato che prevede varrà 32 miliardi di $ nel 2023 (in crescita del 21% rispetto al 2018).

Il mercato rimarrà sicuramente molto allettante per le aziende estere. Infatti, diverse multinazionali del settore, quali ad esempio la neozelandese Synlait e l'europea Arla, hanno deciso, da diverso tempo, di investire nelle linee di produzione dei prodotti più innovativi per meglio rispondere alle esigenze del mercato cinese e presidiare i segmenti più remunerativi. La prima multinazionale è intenzionata a puntare sulla commercializzazione di latte per neonati con un maggior contenuto di lattoferrina, mentre, la seconda, con una maggiore quantità di alfa-lattoalbumina.

Fonte

Fonte

Fonte