News generali

15.01.2015

Consegne di latte in Italia nel mese di ottobre 2014

Le consegne complessive nazionali, nel mese di ottobre 2014, hanno superato le 860 mila tonnellate, in aumento dell'1,9% rispetto allo stesso mese della campagna prima ovvero circa 16,2 mila tonnellate in più. Delle grandi regioni produttrici solo l'Emilia Romagna ha evidenziato una flessione del latte consegnato di poco meno di 500 tonnellate, mentre si registrano aumenti importanti in Lombardia, Piemonte e Veneto. Le consegne lombarde hanno sfiorato quota 362 mila tonnellate in aumento di oltre 10 mila tonnellate rispetto a ottobre 2013, ovvero un incremento di 3 punti percentuali su base annua. Importante crescita anche per il Piemonte (+3.950 tonnellate) e il Veneto (+2.076 tonnellate). Per il resto l'andamento delle consegne di latte è stato contrastato nelle diverse regioni con alcuni cali importanti nell'Italia Centro - meridionale. Tra queste, la Puglia conferma l'andamento al ribasso che la sta caratterizzando da molti mesi con le consegne che sono scese a poco sopra 27 mila tonnellate di latte, circa 1.500 tonnellate in meno su base annua.

La campagna in corso ha registrato un incremento complessivo di oltre 215 mila tonnellate di latte evidenziando un incremento del 3,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno prima. Se questo ritmo di aumenti dovesse essere confermato anche nei prossimi mesi il rischio di splafonamento diventa molto elevato. A trainare le consegne nazionali concorrono non solo le grandi regioni del Nord ma anche Sicilia e Sardegna. Le consegne di entrambe le regioni, infatti, evidenziano, a ottobre 2014, un incremento di poco meno di 8 mila tonnellate ciascuna su base annua. Il maggior incremento, in termini quantitativi, spetta ancora alla Lombardia che, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ha evidenziato una crescita superiore alle 100 mila tonnellate. Seguono poi le altre tre grandi regioni del Nord: Piemonte, con un aumento di quasi 35 mila tonnellate, Veneto (+28 mila tonnellate circa) ed Emilia Romagna (+16.672 tonnellate).