News generali

11 novembre 2016

L’INDICE FAO DEGLI ALIMENTI IN CRESCITA DEL 3,6% NEGLI ULTIMI TRE MESI

In forte aumento ad ottobre gli indici dei prezzi dei Lattiero-caseari e dello Zucchero
Leggi »


20 luglio 2016

Commissione Europea: nuove misure finanziare a sostegno del settore agricolo

La Commissione Europea ha presentato un nuovo pacchetto di misure per il settore agricolo stanziando risorse per un valore di 500 milioni di euro al fine di supportare gli agricoltori comunitari che si trovano a fronteggiare serie difficoltà di mercato, in...
Leggi »


14 aprile 2016

L’INDICE FAO DEL PREZZO DEGLI ALIMENTI IN AUMENTO DELL’1% A MARZO

Al consistente rialzo dell’indice del prezzo dello zucchero si contrappone la caduta dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari
Leggi »


17.03.2016

Consiglio UE per affrontare la crisi dell’agricoltura: misure per il settore lattiero-caseario

Durante il Consiglio Europeo del 14 marzo, il Commissario UE all'Agricoltura, Phil Hogan, ha presentato le una serie di misure per fronteggiare la crisi del comparto agricolo. Per il settore lattiero-caseario gli strumenti di intervento più importanti sono:

- Innalzamento del tetto di intervento per il ritiro dal mercato di latte scremato, che passa da 109.000 a 218.000 tonnellate, e del burro da 50.000 a 100.000 tonnellate. Inoltre, nel caso in cui i limiti vengano superati, sarà implementato un sistema di aumento dei volumi interessati (fino a 240.000 tonnellate per il latte scremato in polvere). Il ritiro di questi prodotti dal mercato è finalizzato a ridurre l'eccesso di offerta e ad evitare che i prezzi scendano ulteriormente. La Commissione ha rigettato l'idea proposta da molti paesi di intervenire direttamente sui prezzi poiché ciò creerebbe una distorsione del mercato.

- Applicazione dell'articolo 222 dell'OCM unica per limitare la produzione di latte. L'articolo 222 prevede che, nel caso di gravi situazioni di crisi, le associazioni di categoria, le associazioni di produttori e le cooperative del settore lattiero-caseario, possono, su base volontaria, programmare una riduzione della produzione per un periodo limitato. Poiché non sono previsti fondi UE per gli aiuti da destinare ai produttori, gli stati Membri dovranno provvedere internamente a reperire le risorse necessarie. I meccanismi per l'applicazione di questa misura devono essere ancora definiti.

- Incremento di 15.000 euro ad azienda del tetto de minimis. I Paesi Membri potranno temporaneamente erogare gli aiuti senza dover rispettare un limite massimo.

Il Commissario Hogan ha sottolineato che non si prevede un ritorno all'utilizzo di qualche forma di controllo della produzione, quale quella che si effettuava con le quote latte, poiché la strada da perseguire è quella dell'orientamento al mercato.

Fonte