News generali

28 ottobre 2021

Global milk production expected to tighten over winter

Challenging weather and high feed costs are expected to impact milk production through 2021, despite good prices. This has reduced global supply[1] growth forecasts for 2021 from 1.4% to 1.0%, equivalent to 1.1bn litres less milk. Both the US and the EU-27...
Leggi »


28 ottobre 2021

November milk price increase for Arla farmer suppliers

Arla's milk price for November 2021 will see an increase as European dairy commodities have 'continued to increase significantly'. The price increase of 0.90p per litre from 1 November takes the co-operative's conventional milk price to 33.52p per...
Leggi »


28 ottobre 2021

UK dairy exports to Australasian markets to be explored

Dairy farmers will be given the chance to explore the opportunities of exporting to Australia and New Zealand amid worry over the impact of the trade agreements on the sector.
Leggi »


23.03.2016

Import cinese di derivati lattiero-caseari nuovamente in calo

La ripresa delle importazioni cinesi che è avvenuta a gennaio pare esser già terminata. A febbraio l'import di latte intero in polvere è crollato del 70% rispetto al mese precedente, passando da 120.000 tonnellate a 35.500, -70%. Stessa sorte per la variate scremata, le cui quantità sono scese del 50% attestandosi a 17.400 tonnellate. Per quanto riguarda i paesi di provenienza, quasi il 100% del latte intero in polvere è importato dalla Nuova Zelanda, che, inoltre, fornisce anche più della metà di quello scremato.

La domanda di latte alimentare, invece, non dimostra alcun segno di rallentamento. Nei primi due mesi dell'anno i volumi importati sono saliti del 75% rispetto allo stesso periodo del 2015. L'anno scorso il mercato ha raggiunto il valore di 307 milioni di dollari americani (circa 277 milioni di euro considerando il tasso di cambio euro-dollaro medio del 2015 pari a 1,1095) e per gennaio e febbraio 32 milioni di $ (circa 29 milioni di euro considerando il tasso di cambio euro-dollaro medio del periodo pari a 1,0979).

Anche l'import di latte per l'infanzia è in continuo aumento, i primi due mesi del 2016 hanno visto un incremento del 38% dei volumi rispetto agli stessi mesi del 2015. Circa il 50% del prodotto è stato fornito da Danone e Friesland Campina.

Fonte

Foto: tosert/morgueFile