News generali

28 febbraio 2019

Pubblicata la nuova edizione de "Il mercato del latte"

Il Rapporto sul mercato del latte, curato dall'Osservatorio sul mercato dei prodotti zootecnici, che giunge alla sua ventiquattresima edizione, si propone come strumento di conoscenza del settore lattiero-caseario a supporto di coloro che, a diverso titolo...
Leggi »


11 febbraio 2019

Pillole internazionali: un 2017 combattuto ed un 2018 di crescita per FrieslandCampina

Il 2018 di FrieslandCampina, cooperativa olandese operante nel mercato dei lattiero-caseari, non si apre nel migliore dei modi: nel bilancio 2017 la voce profitti è pari a 227 mln di €, ben 135 mln in meno rispetto a quanto fatto segnare l'anno prima....
Leggi »


28 gennaio 2019

Inizio dolce ma finale amaro: il 2018 a due facce dell’indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari

A differenza di quanto accaduto nel 2017, dove si verifica una crescita su base annua dell'8,1%, l'indice FAO dei prezzi degli alimenti si contrae di 3,5 punti percentuali l'anno dopo, posizionando il valore medio a 168,4 punti. Tra i diversi indici di...
Leggi »


14.03.2019

Panoramica sul mercato delle commodity lattiero-casearie: febbraio 2019

Nel secondo mese del 2019, i prezzi delle commodity lattiero-casearie hanno evidenziato andamenti differenti nei principali mercati europei.

BURRO - Nonostante la situazione sia analoga a quella di un anno prima, i prezzi iniziano una fase di assestamento a valori più bassi per effetto del surplus produttivo previsto, solitamente, in primavera. Questa condizione rispecchia meglio il mercato, mentre ciò che si è visto nel 2018 è da considerarsi alquanto anomalo: il prezzo era schizzato fino a 6 mila €/ton a giugno, sotto la spinta di voci riguardo probabili aumenti dei consumi.

Grazie ad una migliore valutazione della materia prima nazionale, ad inizio mese, presso AgriMer, il burro si avvicina a 4.670 €/ton, con un prezzo superiore dell'8% rispetto a quello di Kempten. Nelle settimane successive inizia un generale trend al ribasso, ma le produzioni più scarse dei francesi permettono al prodotto transalpino di avere il prezzo più alto nonostante il crollo del 9,3% nella ultima settimana (4.354 €/ton). In Olanda si ferma a 4.100 €/ton e a Kempten il prezzo cala del 7% nel corso di febbraio.

In parte dovuto ad un anticipato incremento delle produzioni, i future di marzo e aprile evidenziano un trend ribassista, con il prezzo rispettivamente a 4.192 e 4.222 €/ton, i valori più bassi da gennaio 2018.

LATTE SCREMATO IN POLVERE - Ad inizio febbraio i prezzi sono in crescita e in Francia si registra quello più alto. Sebbene il trend rialzista presso il GDT sia al momento terminato e si stia avvicinando il tradizionale surplus produttivo primaverile, in Europa i prezzi continuano ad aumentare: la forte domanda proveniente dai mercati asiatici e medio-orientali fa crescere del 2,7% il prezzo a Kempten e in Olanda si toccano i 1.970 €/ton; inoltre, una certa scarsità di materia prima da destinare a questa commodity, è un ulteriore fattore che in Francia fa posizionare il prezzo di questa commodity a 2 mila €/ton, prima volta nell'ultimo anno e mezzo. I future in scadenza in primavera ed estate si posizionano a quota 2.020 e 2.060 €/ton.

LATTE INTERO IN POLVERE - Dopo la prima settimana di contrattazioni, il prezzo più alto è in Olanda, pari a 2.900 €/ton. A febbraio, i trend sono variabili, con il prezzo che in Francia sale fino a 3 mila €/ton, quando contestualmente a Kempten la quotazione è inferiore di 70 €/ton. Nel breve termine si prevede un trend al rialzo: infatti, la cooperativa lattiero-casearia Fonterra ha annunciato un taglio delle stime di latte raccolto a causa del clima eccessivamente caldo, avendo quindi meno materia prima da destinare a questa commodity.

PROTEINE IN POLVERE - Il trend al rialzo, che aveva permesso al prezzo medio europeo di crescere del 4,5% nel solo mese di gennaio, si esaurisce e nelle principali borse merci i prezzi sono segnalati in calo o stabili. Questo cambio di tendenza pare sia dovuta ad un calo della domanda da parte dell'industria dei sostituti del latte per vitelli. Per tutto febbraio i prezzi sono al ribasso e a fine mese in Francia si registra la situazione migliore, con il prezzo delle proteine in polvere fissato a 820 €/ton.

Fonte